Il Registro on line di Scuoletoscane.it

Il sito di ScuoleToscane mette a disposizione vari servizi, fra i quali certamente il più importante è quello relativo al Registro on-line. In questo caldo agosto mi sono messa a vedere di cosa si tratta, e lo sto preparando un poco per volta, con l’aiuto di Salvatore Cammarasana al telefono, per il mio Istituto.
Il sito si presenta un po’ statico e all’apparenza non sembra attrarre molto eventuali “acquirenti”: del resto qui non si compra nulla e la politica del Copyleft consente un uso completamente gratuito di tutti i servizi alle scuole interessante.
Per inserire i dati occorre un po’ di attenzione: non essendo l’amministratrice totale del sito (come sono invece abituata), mi risulta un po’ difficile entrare nel “sistema”, e ho bisogno di chiedere a Salvatore le istruzioni per procedere. Alla fine è lui stesso ad inserire i dati di tutti gli 800 circa alunni dell’istituto, grazie alle estrapolazioni dal Sidi dell’applicata di segreteria, mentre preparo le classi, inserisco i docenti e assegno le materie ad ogni gruppo. Anche il logo non è male…per il layout decido uno stile semplicissimo col bianco predominante (rende i caratteri più leggibili del grigio standard). La formazione delle classi è un momento quasi emozionante… ma certo attendo con maggiore ansia le simulazioni della compilazione giornaliera del registro come docente: è la parte che maggiormente mi interessa, insieme agli scrutini e alla compilazione delle pagelle, che teoricamente dovrebbe essere possibile stampare direttamente dal Registro on-line.
Abbandonata quindi, definitivamente l’idea di adottare Nuvola, quale registro preferito da molti dei docenti che ho sentito per la sua semplicità, mentre quello fornito da Spaggiari aveva lo stesso difetto strutturale del mio comodo registro Tiche…
Alla fine, spinta da Salvatore che vuole qualcosa, in cambio delle sue pazienti istruzioni, mi decido a fare un video sull’uso di base del Registro on line della rete di Scuole Toscane! Non è un granché, ma forse può servire agli amministratori alle prime armi, anche solo per farsi un’idea di cosa li aspetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *