Amiata, opensim privata

Ossia, come crearsi la propria opensim

Il mondo è proprio tondo: o almeno così mi appare quello della mia opensim, appena messa su grazie all’assistenza paziente di Luca nel mio vecchio portatile. Il procedimento per la sua “messa in opera” non è complesso, anche se ha visto qualche problema per la mia inesperienza e anche perché talvola tutta la sequenza di blocca, senza motivo apparente. Per quanto mi riguarda ho

  1. scaricato il software qua;
  2. eseguito come amministratore (utilizzo Vista);
  3. partito il vecchio, caro Dos, date poche semplici istruzioni (il nome della regione, il nome dell’amministratore e la pass);
  4. aperto Hippo con un loginuri che termina con 9001.

E per finire, come dice Luca, “è tutto scritto nel sito opensim.org“, ma in realtà non ho ancora concluso molto, perché devo imparare come permettere agli utenti di registrarsi ed accedere alla mia piccola isola in cima ad una grande mondo tondo dal nome Amiata.

ps: Il video è pubblicato su Youtube, ma realizzato con Jaycut. Nel frattempo ho recuperato la mia iscrizione a Voki, che ho usato in quel che ora mi pare lontano 2007, per Giocare con le identità…sembra che ora sia proprio di moda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *