Archive for progetti a distanza

Ricostruiamo Città della Scienza

EdMondo a Genova per l'ABCD

Grazie alla diretta “interna” al mondo virtuale, di Gioachino Colombrita è stato possibile “fermare” alcuni minuti dell’evento che vede EdMondo a Genova, durante la quale Maria Messere coi suo alunni, Giliola Giurgola e Andrea Benassi presentano il nostro ambiente con una dimostrazione concreta: un cantiere in piena regola dove si stanno realizzando delle costruzioni e perfino un laboratorio di Scienze, a cura di Lisa Boniello. Altri professori presenti, come Luisa Giannetti, Angela Furnari si sono dati appuntamento da domattina, 16 novembre 2012 intorno alle 10,30 per l’evento finale. Ecco alcune foto, intanto che aspetto quelle “ufficiali” dalla manifestazione:

EdMondo a Genova per l’ABCD

Grazie alla diretta “interna” al mondo virtuale, di Gioachino Colombrita è stato possibile “fermare” alcuni minuti dell’evento che vede EdMondo a Genova, durante la quale Maria Messere coi suo alunni, Giliola Giurgola e Andrea Benassi presentano il nostro ambiente con una dimostrazione concreta: un cantiere in piena regola dove si stanno realizzando delle costruzioni e perfino un laboratorio di Scienze, a cura di Lisa Boniello. Altri professori presenti, come Luisa Giannetti, Angela Furnari si sono dati appuntamento da domattina, 16 novembre 2012 intorno alle 10,30 per l’evento finale. Ecco alcune foto, intanto che aspetto quelle “ufficiali” dalla manifestazione:

TV-CasteldelPiano va in gita al bosco dei Rocconi

Libri e Second Life

Questa sera accetto l’invito di recarmi in Second Life per l’evento del progetto Libri@mo. Ha la sua sede stabile nell‘isola di Imparafacile (http://slurl.com/secondlife/Imparafacile/137/85/2515), anche se non è l’unico luogo d’incontro: come capita spesso nel mondo “liquido” del web2.0, il gruppo che si raccoglie intorno al piacere di leggere e di discutere insieme,  “sta” in diversi posti: social network come ning, e  facebook in particolare, ma anche su Anobii, Twitter, Flickr.

Questa volta si tratta di uno dei primi incontri dedicati ai lettori che amono i libri e che scelgono di raccontarlo agli altri. Non c’è cosa infatti più piacevole, di trovare qualcuno che ascolti le tue impressioni sul testo che hai appena concluso e che ti ha entusiasmato…Così c’è chi si propone di discuterne uno, magari ne legge un piccolo brano che gli è sembrato significativo. Mi pare interessante, anche se forse lo sarà di più la conversazione successiva, con coloro che hanno letto lo stesso libro o che lo leggerenno dopo di te… Anche io avrei voglia di propormi, ma non so se ne avrò il tempo: l’intervento non è improvvisato e richiede almeno la scelta dei brani ed un commento. Intanto mi guardo intorno, l’ambiente è coloratissimo, realizzato da un’artista nota negli ambienti virtuali, Soror Nishi…ed ascolto.

Altre foto dell’evento

La presentazione di Cristina Stefanelli e alcune precisazioni

Approfitto della presentazione che Cristina Stefanelli ha messo gentilmente a disposizione,  per alcune doverose precisazioni, riguardo ai miei progetti: il 29 giugno 2011, per la webcoference di SieL, non è stato presentato Il Monte Amiata e il fiume Savio, ma il più ampio Ecomuseo Virtuale dell’Amiata (ingresso con pass “amiata”), che precede Avatar Project di un anno.  Ecomuseo è proseguito quest’anno scolastico 2010-11…ma questa è un’altra storia…
Nel frattempo però, ringrazio Avatar Project che con Cristina, Gianni e Marinù, ci hanno dato la possibilità non solo di proseguire almeno in parte, un lavoro già avviato e che già avevamo in mente,  ma anche e soprattutto, di realizzare un’esperienza internazionale, veramente all’avanguardia,  fra docenti di svariate nazioni. Nei forum ci siamo scambiati idee, progetti e anche emozioni. Abbiamo condivisio materiali e pensieri costruttivi, seguito le lezioni di build; abbiamo visto il coinvolgimento e la partecipazione entusiasta di molti alunni di vari livelli e iniziato a capire quali problemi può comportare l’uso dei mondi virtuali nella didattica, ma anche quali sono i vantaggi: la concretezza, la praticità del “vedere” , la collaborazine fattiva dell’essere insieme anche da lontano… Insomma, un esperimento davvero eccellente! Devo inoltre dire che,  la possibilità di seguire le realizzazioni dei progetti in 3d delle altre scuole è stata per me, che sperimento la didattica dei mondi virtuali già da diversi anni, un’occasione irripetibile: insomma, un arricchimento personale importante, per tutti una via metodologica aperta verso nuovi orizzonti con la visione di un futuro diverso per la scuola.
Questo chiarimento per correttezza anche nei confronti di SieL, che ha accettato i miei contributi all’8° Congresso del 14, 15 e 16 settembre 2011 a Reggio Emilia e che ringrazio per la considerazione, la professionalità, la gentilezza.
Un abbraccio a Cristina, Gianni e Marinù: complimenti per la presentazione, ma soprattutto per il grande lavoro di guide in un progetto davvero innovativo!