La presentazione di Cristina Stefanelli e alcune precisazioni

Approfitto della presentazione che Cristina Stefanelli ha messo gentilmente a disposizione,  per alcune doverose precisazioni, riguardo ai miei progetti: il 29 giugno 2011, per la webcoference di SieL, non è stato presentato Il Monte Amiata e il fiume Savio, ma il più ampio Ecomuseo Virtuale dell’Amiata (ingresso con pass “amiata”), che precede Avatar Project di un anno.  Ecomuseo è proseguito quest’anno scolastico 2010-11…ma questa è un’altra storia…
Nel frattempo però, ringrazio Avatar Project che con Cristina, Gianni e Marinù, ci hanno dato la possibilità non solo di proseguire almeno in parte, un lavoro già avviato e che già avevamo in mente,  ma anche e soprattutto, di realizzare un’esperienza internazionale, veramente all’avanguardia,  fra docenti di svariate nazioni. Nei forum ci siamo scambiati idee, progetti e anche emozioni. Abbiamo condivisio materiali e pensieri costruttivi, seguito le lezioni di build; abbiamo visto il coinvolgimento e la partecipazione entusiasta di molti alunni di vari livelli e iniziato a capire quali problemi può comportare l’uso dei mondi virtuali nella didattica, ma anche quali sono i vantaggi: la concretezza, la praticità del “vedere” , la collaborazine fattiva dell’essere insieme anche da lontano… Insomma, un esperimento davvero eccellente! Devo inoltre dire che,  la possibilità di seguire le realizzazioni dei progetti in 3d delle altre scuole è stata per me, che sperimento la didattica dei mondi virtuali già da diversi anni, un’occasione irripetibile: insomma, un arricchimento personale importante, per tutti una via metodologica aperta verso nuovi orizzonti con la visione di un futuro diverso per la scuola.
Questo chiarimento per correttezza anche nei confronti di SieL, che ha accettato i miei contributi all’8° Congresso del 14, 15 e 16 settembre 2011 a Reggio Emilia e che ringrazio per la considerazione, la professionalità, la gentilezza.
Un abbraccio a Cristina, Gianni e Marinù: complimenti per la presentazione, ma soprattutto per il grande lavoro di guide in un progetto davvero innovativo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *