Storie di aggiornamenti casalinghi

Da qualche tempo il mio blogghino segnalava un errore cui avevo cercato di rimediare variamente, ma senza alcun risultato. La segnalazione era  in una riga del linguaggio misterioso php, di cui purtroppo, non ho mai capito granché.

Ma l’origine era altrove e precisamente nella versione del PHP utilizzata “in toto” da martinifrancesco.net: del resto  da quando il dominio è stato messo su ad ora…di tempo ne è passato!  Il problema vero quindi era qui:

Dovevo scegliere la versione ultima di PHP: la 5.3.15, pena l’errore stabile nel mio blog e anche l’impossibilità di aggiornare l’intero dominio. Ma toccare questo “piccolo” particolare richiedeva un lavoro a monte: il sito di Martini Francesco infatti, realizzato con una vecchissima versione del fantatisco Xoops sarebbe rimasto “buio”! Ho tentato di aggiornarlo, senza successo: impossibile passare da una versione così antiquata a quella odierna del 2011. Ho deciso per l’installazione  nuova di Xoops, ma da solita “autodidatta”, non sono stata capace di trovare un modulo che per “Il Photographer” era indispensabile: il modulo dei documenti il quale consente di caricare file in breve tempo, senza necessità dell’FTP (il programma di trasferimento dei dati dal locale al server del dominio). Niente da fare…  Ho sospeso la ricerca dopo più di un’ora di tentativi falliti, anche perché la versione inglese che avevo messo su, mi impediva di caricare i due o tre moduli che avevo comunque recuperato e che pensavo di utilità simile. A capire il perché…

Fallita la prima prova, ho deciso che avrei potuto sostituire il sito del grande Martini, da lui utilizzato più come deposito che altro (infatti ha un’altra pagina web predefinita) con una piattaforma Joomla, sfruttando così l’oppportunità di fare un po’ di pratica con la nuova versione 2.5, dato che presto dovrò rinnovare anche quel Joomla che uso per il giornalino della scuola. Ho effettuato così tutti i  passaggi necessari…ma al dunque, sorpresa! Anche i database erano troppo vecchi! Dovevo cercarne uno con la versione 5.0 o superiore! Non mi sono scoraggiata e ho appoggiato il mio Joomla 2.5 a un database provvisorio con queste caratteristiche , inviando però subito un’interrogazione ad Aruba, che mi ospita. Alla mia richista se era possibile aggiornare il database, mi hanno risposto prontamente, dicendo che no, non era possibile, ma che mi ospitavano gratuitamente, su un database a mia diposizione fino alla scadenza di quello vecchio. Che gentili! Devo dire che non è la prima volta che apprezzo la cortesia di Aruba: nonostante quello che si dice, sono veramente molto disponibili…qualche tempo fa mi hanno persino risolto un paio di problemi che esulavano dalle loro competenze…

Ritornando all’istallazione di Joomla 2.5 scaricato da qua, e seguite più o meno le indicazioni (non tutto si può dire in un tutorial), risolto il problema anche del database obsoleto, ecco che  ho potuto scegliere l’ultima versione di PHP….ma un altro problema si presentava: gli articoli di prova puntavano erroneamente  ad un “No input file specified.” Questo era davvero troppo per una telematica casalinga come me! Non mi sono persa d’animo e dopo diversi tentativi e consultazioni ho scoperto che tutto dipendeva da un sì di troppo!

In “Configurazione” infatti la prima dicitura “Attiva url SEF” era spuntato erroneamente sul sì, ma non oso cercare di capirne il motivo…ho solo trovato l’informazione giusta al momento giusto, sul forum di Jooma cui sono iscritta!

Bene, adesso il nuovo sito di Martini Francesco punta ad una nuova pagina cui sto lavorando…e che presto sarà pronta (almeno la testata dovrò sistemarla….datemi tempo!); ma prima devo trasferire il database d’appoggio con quello che Aruba mi mette a disposizione! Speriamo che non ci voglia troppo: si tratta di esportare…reimportare e cambiare un po’ di dati nella configurazione del Joomla 2.5.  Quali errori compirò incautamente questa volta? Dovrò buttare tutto e rifarmi da capo? Auguratemi buona fortuna!

Ps: notare che l’errore in alto del mio blogghino, non c’è più…almeno questo è risolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *